Skip to Content

Friday, November 15th, 2019

Caro turista, a Roma non fare come i romani

Closed
by August 12, 2016 General

#roma sempre
di più in
mano dei turisti

Siamoroma

Caro turista straniero che vieni a Roma, l’ammiri, scatti i selfie, la usi, la sporchi e poi te ne vai lasciando una scia di rifiuti per strada. Vorremmo, con molta serenità spiegarti che il proverbio che va tanto per la maggiore nei paesi anglosassoni – When in Rome, do as the Romans do (quando sei a Roma comportati come i romani) – non deve essere la tua fonte di ispirazione. E’ vero, magari noi non siamo abilissimi nel mantenere la città pulita, però quando siamo a Berlino o a Tokyo, a San Francisco o a Singapore, ci capita di camminare anche chilometri con la lattina della bevanda terminata perché se non troviamo un cestino e non sappiamo dove gettarla, rispettiamo la città che ci ospita, perfino più di quella da cui proveniamo.

Tu, invece, caro americano che nel nostro immaginario vieni da San Francisco patria della cultura dei rifiuti zero, anche se in realtà sei del New Jersey dove è Tony Soprano, stando alle serie tv, a occuparsi dello smaltimento dei rifiuti, perché quando vedi il cestino dei rifiuti colmo vicino a Fontana di Trevi, sereno getti la coppetta del gelato sui sampietrini? Cari amici del nord Europa, che chissà perché nella nostra fantasia siete i più scrupolosi a fare la differenziata ma allo stesso tempo avete giganteschi inceneritori proprio dentro alle vostre capitali, che chissà perché da voi non inquinano, sappiate che non è normale lasciare le bottiglie di birra vuote sopra i nostri monumenti, non sono campane per il vetro. E cari tedeschi: è vero che a novembre vi manderemo una parte dei nostri rifiuti, però per favore ora non gettarti alle spalle indifferente il pacchetto di sigarette finito.

mauro.evangelisti@ilmessaggero.it
twitter: @mauroev

Previous
Next