Skip to Content

Monday, August 26th, 2019

Cna compie 70 anni Parlano le imprese

Closed
by September 4, 2016 General

I primi 70 anni sono stati celebrati ieri mattina con l’inaugurazione in Piazzetta municipale di ” Cna in festa” alla presenza delle massime autorità cittadine. Tutti hanno sottolineato l’importanza delle imprese ferraresi che si uniscono e collaborano per essere protagoniste nella sfida del mercato; esprimendo poi un ringraziamento a Cna per il fondamentale contributo che offre affinché le aziende non rimangano isolate ma costituiscano quel tessuto economico indispensabile allo sviluppo del nostro territorio. Una ventina le aziende presenti in Piazzetta municipale, spesso realtà altamente innovative, accanto a quelle tradizionali dal futuro però molto incerto. Come quella di Massimo Travagli dal 1989 in via Porta Romana a Ferrara, artista restauratore: «Ho sempre lavorato senza difficoltà ma da qualche anno a questa parte e specialmente nel 2016 sembra che tutti si siano dimenticati di me. Colpa della crisi? Certamente ma anche dal fatto che le ditte artigianali d’arte individuali, sono destinate a scomparire a causa anche delle normative vigenti, sempre più opprimenti, complicate e burocratiche. Fino a poco tempo fa facevo quattro fiere all’anno, oggi solo una mi costerebbe 10 mila euro e non sono più in grado di affrontarle». Anche Imprese Fotografiche di Jessica Morelli in attività dal 1991 in Via Tamara a Corlo, lavorando con le aziende ha riscontrato una certa resistenza nella nostra città. «Ferrara non è una piazza facile – dichiara – e per questo abbiamo dovuto cercare clienti in altre parti della Regione Emilia Romagna e Veneto e questo ci crea un certo disagio strutturale, anche se devo ammettere che rispetto al passato grazie al digitale, stiamo migliorando. Facciamo comunicazione a 360° dalla fotografia alla grafica, al web, al video: le occasioni non mancano». Sempre legata all’arte ma decisamente in una forma oltremodo innovativa è l’attività di Trieco 2.0 s.r.l, che si trova presso l’ex caserma dei vigili del fuoco, su cui si è soffermato Matteo Fabbri. «Il nostro bilancio è oltremodo positivo perché stiamo lavorando sui beni culturali in particolare quelli distrutti dall’Isis. Attualmente siamo quattro soci , con 1 collaboratore fisso ed uno a chiamata ma le difficoltà ci sono se volessimo assumere altro personale». Emanuele Borasio è l’amministratore di Wear s.r.l di via Borgo di Sotto. «La mia impresa è nata in un garage che poi ho allargato incamerando un altro locale. Uno dei nostri ultimi ” prodotti” è Marko: siamo partiti dal fatto che le esperienze di tanti lavoratori possono disperdersi quando cesseranno l’attività». «Così abbiamo creato un manuale d’uso, promosso a livello internazionale, che consente alle aziende di trasferire questo patrimonio di esperienze alle nuove generazioni attraverso telefonini, tablet ed occhiali intelligenti; siamo presenti in Germania, Giappone, Singapore ed in autunno andremo a Dubai dove si sta già pensando al dopo petrolio, ma non a Ferrara ed in Italia».Margherita Goberti.

Previous
Next