Skip to Content

Saturday, August 17th, 2019

Danza: Compagnia MOTUS di Siena stasera a Sarajevo

Closed
by September 25, 2017 General

(ANSAmed) – SARAJEVO, 25 SET – Ha fatto il giro del mondo
l’immagine di Vedran Smailović che nel 1992 suona il violoncello
tra le macerie della semidistrutta Biblioteca nazionale di
Sarajevo, uno dei simboli più forti della ricchezza culturale e
dell’indole pacifica e multietnica della città.

Ispirandosi a questa immagine, stasera la Compagnia italiana
MOTUS di Siena realizza, proprio all’interno della Vijecnitsa,
uno spettacolo che, nel 25mo anniversario dei tragici eventi,
intende trasmettere un messaggio di pace e riconciliazione,
contro ogni forma di discriminazione e la tentazione di erigere
nuovi steccati politici, sociali, linguistici e culturali. Lo
spettacolo sarà replicato il 27 settembre presso il Teatro
Nazionale di Tuzla.

L’opera, dal titolo DIS-CRIMINE, sarà arricchita
dall’esibizione del violoncellista Andrea Rellini, autore delle
musiche dello spettacolo, e costituisce la seconda iniziativa
della V Stagione della cultura italiana in Bosnia-Erzegovina,
organizzata dall’Ambasciata d’Italia con i propri partner
locali, a partire dal Comune di Sarajevo.

Caratterizzata da un repertorio ricco di collaborazioni con
autori e artisti di rilievo internazionale, la Compagnia MOTUS
di Siena ha abbracciato la ricerca di nuovi vocabolari in cui il
linguaggio gestuale è rivolto alla trattazione di argomenti di
impatto sociale. Che lo si voglia definire danza o teatro danza,
le opere della compagnia hanno un forte impatto emozionale e
teatrale.

Diretta da Simona Cieri, coreografa, danzatrice, e fondatrice
della Compagnia nel 1991, MOTUS presenta i propri lavori nei
teatri di tutta Italia, e partecipa a numerosi festival
internazionali. Nel 1994 la compagnia ha vinto il Premio
Nazionale di coreografia (Spello) mentre nel 2009 e 2010 ha
ricevuto due apprezzamenti ufficiali da parte del Presidente
della Repubblica Italiana.
Il lavoro della compagnia è apprezzato in numerosi Paesi, tra
cui Stati Uniti, India, Singapore, Germania, Spagna, Olanda,
Inghilterra, Portogallo, Grecia, Romania, oltre che Bosnia
Erzegovina, come dimostrano anche i riconoscimenti
internazionali ricevuti (Premio TEATARFEST 2006 e 2008).
Nel 2011 la Casa Editrice “La Conchiglia di Santiago” ha
pubblicato il libro VENTI DI MOTUS, a cura del prof. Andrea
Mancini, che descrive i primi 20 anni di attività della
Compagnia. (ANSAmed)

Previous
Next