Skip to Content

Wednesday, November 20th, 2019

Jakarta: amnistia sulle tasse per rimpatriare i capitali tenuti all’estero

Closed
by August 24, 2016 General

Aree geografiche

mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

» 24/08/2016, 11.40

INDONESIA

Mathias Hariyadi

Con la nuova legge decisa da Joko Widodo ai ricchi evasori verranno perdonate le passate violazioni. L’obbligo è quello di far tornare in Indonesia tutti i propri beni e dichiararli allo Stato, pena una multa. In crisi i ricchi, commercialisti in allerta.

Jakarta (AsiaNews) – Allargare il numero di coloro che pagano le tasse, rimpatriare i capitali tenuti all’estero, aumentare gli investimenti in Indonesia e risanare il bilancio pubblico. Sono questi gli scopi della nuova amnistia sulle tasse decisa dal governo di Joko Widodo, tesa a perdonare gli evasori del passato per garantirsi più entrate in futuro.

Secondo le nuove procedure, ogni cittadino indonesiano che ha evaso in passato è obbligato a dichiarare i sui beni allo Stato. Nel caso che la dichiarazione non avvenga entro settembre, gli sarà imposta una tassa che varia dal 2 al 4% del suo capitale. Se entro dicembre la dichiarazione non sarà effettuata la multa salirà al 5%, e al 10% se i documenti non verranno consegnati entro marzo 2017. Al momento il totale della penali pagate ammonta a 947 miliardi di rupie (circa 71,5 milioni di dollari).

Con questa manovra Jakarta punta a riottenere i fondi nascosti all’esteri. Sri Mulyani, ministro della Finanza, afferma che i risparmi tenuti all’estero verranno rimpatriati soprattutto da Singapore. Al 20 agosto, la somma di fondi dichiarati da cittadini indonesiani nella città-Stato ammontava a 6mila miliardi di rupie, ed è in aumento.

Il ministro ha confermato che le autorità singaporiane sostengono in tutto la manovra di Jakarta e che “non c’è alcuna politica o regola finanziaria di Singapore che ostacola la nuova amnistia sulle tasse”.

Il secondo Paese dove i risparmiatori indonesiani tengono i loro beni è il Regno Unito, con almeno 140 miliardi di rupie.

La nuova politica decisa da Joko Widodo ha sconvolto il modo di agire di molti ricchi indonesiani, che ora si domandano come comportarsi a fronte della posizione del governo. Mentre il momento è considerato critico dagli evasori, la nuova legge rappresenta un’occasione per la classe dei commercialisti, che da un momento all’altro si è ritrovata piena di lavoro.

Un commercialista cattolico, che è voluto rimanere anonimo, racconta che mai come nelle ultime settimane è stato così pieno di incontri con persone facoltose che chiedono consigli su come muoversi nel nuovo scenario.

Vedi anche

08/10/2014 BAHRAIN – REGNO UNITO
Regno Unito: Il principe del Bahrain potrà essere indagato per torture
L’Alta corte di Londra revoca l’immunità diplomatica a Nasser bin Hamad Al-Khalifa, 27 anni. È accusato di aver partecipato alle sevizie sui prigionieri della rivolta pro-democrazia del 2011. Appassionato di corse di cavalli, per lui la Gran Bretagna è “una seconda casa”.

11/08/2008 THAILANDIA
L’ex premier Thaksin resta in Gran Bretagna per evitare processi “politici”
Dal suo esilio volontario l’ex primo ministro fa sapere che non farà ritorno in Thailandia per rispondere delle accuse di corruzione e abuso di potere. Egli avrebbe dovuto comparire oggi davanti ai giudici di Bangkok e ribadisce che si tratta di “accuse a sfondo politico”.

20/05/2016 08:57:00 IRAN
Governi occidentali invitano banche e imprese a promuovere il commercio con l’Iran

Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito incoraggiano società e finanziarie e riprendere, nell’ambito della “legalità”, i rapporti con Teheran. La rimozione delle sanzioni è solo parziale e restano i timori di ostacoli e ritorsioni da parte di alcuni governi. Finora le banche europee si sono mostrate “timide” nel riallacciare i rapporti con l’Iran. 

05/06/2015 NEPAL
Tonnellate di cibo avariato per i terremotati del Nepal
Cinque tonnellate di riso ricoperto di muffa, decine di chili di pane, spaghetti, farina, avena e snack scaduti da tempo. Provengono da India, Bangladesh e Regno Unito. Chiusi diversi punti vendita che proponevano cibo scaduto.

25/06/2009 ARABIA SAUDITA
Nuovo visto per i pellegrini alla Mecca: impronte digitali e foto a viso scoperto
Il sistema di riconoscimento biometrico per migliorare la sicurezza, combattere il terrorismo ed eliminare le lunghe operazioni di dogana. Esso dovrebbe partire entro il 2010 e verrà applicato a turisti, lavoratori stranieri e pellegrini. Non è chiaro se la norma riguarda anche le donne.

In evidenza


CINA – VATICANO

Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

Zhao Nanxiong

Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.

IRAQ

Alqosh, nonostante l’Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini

Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 

TOP10


18/08/2016 CINA – VATICANO

18/08/2016 SIRIA

19/08/2016 FRANCIA �” ISLAM

17/08/2016 CINA – VATICANO

17/08/2016 IRAQ

19/08/2016 CINA

23/08/2016 ITALIA-VATICANO

17/08/2016 VATICANO

19/08/2016 SIRIA

18/08/2016 PAKISTAN

AsiaNews E’ ANCHE UN MENSILE!

L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
 

ABBONATEVI

IRAN 2016 Banner

Libri

by Fabrizio Meroni

pp. 288

by p. Pasquale Simone

by Gerolamo Fazzini, 7 euro

pp. 128

by Vincenzo Faccioli Pintozzi

pp. 148

by Paolo Nicelli

pp. 136

by Piero Gheddo

pp. 504

by Claire Ly

pp. 160

by Piero Gheddo

pp. 320

by Gianni Criveller

pp. 132

Previous
Next