Skip to Content

Saturday, August 17th, 2019

L'A380, il gigante dell'aria, piace al pubblico ma non alle compagnie

Closed
by December 22, 2017 General

L’Airbus A 380, il gigante dell’aria, l’aereo a due piani che piace ai passeggeri ma non alle compagnie aeree, cambia il proprio piano di volo a dieci anni di distanza del suo debutto nei cieli. L’aeromobile sta attraversando una turbolenza e il ritmo della produzione è rallentato in attesa di rivedere il sereno all’orizzonte del 2020 secondo le previsioni dei dirigenti di Airbus Group riportate da Le Monde.

La produzione è dimezzata, da dodici a sei apparecchi l’anno, secondo quanto ha rivelato l’agenzia Reuters, ripresa dal quotidiano francese. Numeri molto lontani dal picco di 30 aeromobili raggiunti nel 2015.

Questa nuova riduzione del programma produttivo non è una sorpresa di fronte alla concorrenza degli aerei di lungo raggio più piccoli, i bireattori A350 o i Boeing 787 Dreamliner. Ma il programma soffre soprattutto dell’incertezza degli ordinativi. Per due anni non ne è arrivato neppure uno. E degli 86 iscritti nel registro, la metà rischia di non venir confermata. Inoltre, il contratto con Emirates per la fornitura di trentasei A380, che avrebbe dovuto essere firmato a novembre, ancora non ha avuto seguito.

Il costruttore francese ha riconfigurato la cabina per un investimento di 720 milioni di euro in vista della consegna di questo nuovo A380 a Singapore Airlines. Per la fabbrica di Tolosa è vitale mantenere le linee di produzione in attesa della ripresa nel prossimo decennio. Intanto, il direttore generale del gruppo Airbus, Fabrice Brégier, ha deciso di lasciare: a febbraio andrà via, assieme all’amministratore delegato, Tom Enders, che manterrà l’incarico fino ad aprile 2019.

Intanto, i primi A 380 consegnati dieci anni fa a Singapore Airlines trovano una seconda vita sul mercato dell’usato. E società di noleggio americana-irlandese come Amadeo, che non ha trovato acquirenti per i 20 apparecchi ordinati nel 2014 esplora nuove strade, innovative, come un Airbnb o un Uber dei cieli.

© Riproduzione riservata

Previous
Next