Skip to Content

Wednesday, September 18th, 2019

Sempre più difficile fare impresa in Italia, per la Banca Mondiale meglio Moldova e Macedonia

Closed
by October 26, 2016 General

MILANO – Le riforme del governo Renzi non convincono la World Bank. Almeno sul fronte dell’imprenditorialità e della capacità di attrarre investimenti. Insomma, nonostante gli sforzi, la Penisola non è un Paese dove sia facile fare affari. Per restare nel Vecchio continente meglio scegliere la Serbia e persino la piccola Moldova. E sì perché secondo il rapporto “Doing business 2017” della World Bank il nostro paese ha perso cinque posizioni in classifica scivolando in 50esima posizione al terz’ultimo posto tra i membri Ue: peggio solo la Grecia (sessantunesima) e Malta (settantaseiesima). A migliorare la capacità di attrazione dell’Italia non bastano quindi le iniziative del governo che il report giudica insufficienti almento sul fronte dei parametri valutati dal rapporto: tempi della burocrazia, l’accesso al credito e all’energia, il sistema fiscale e la protezione dei diritti di proprietà.

Il rapporto, sottolinea la Banca Mondiale, “dimostra che le migliori performance sono, in media, associate con livelli più bassi di diseguaglianza sociale e quindi a una ridotta povertà e a una maggiore prosperità condivisa”. “Regole semplici e facili da seguire sono un segno che il governo tratta i propri cittadini con rispetto, generando benefici economici diretti: più impresa, più opportunità per le donne, più aderenza allo Stato di diritto”, commenta il capo economista della Banca Mondiale, Paul Romer, avvertendo che “un esecutivo che non riesce a trattare i propri cittadini così perde la sua capacità di governare”.

E quasi beffardo che il miglior Paese del mondo sia proprio agli antipodi dell’Italia, ma secondo la World Bank non ci sono dubbi: la Nuova Zelanda è lo stato con il contesto economico più favorevole alle imprese. Wellington supera così Singapore, lo scorso anno sul primo gradino del podio. Non cambiano, invece, le prime nove posizioni della classifica con la Danimarca terza seguita da Hong Kong, Sud Corea, Norvegia, Regno Unito, Usa e Svezia. Al decimo posto spicca la sorpresa Macedonia, che ha scalzato la Finlandia dalla top ten. E in generale è tutta l’Europa dell’Est, grazie alla vigorosa azione riformatrice attuata dai governi dell’area, a stupire e a strappare punti a economie del G7 come il Canada, sceso dalla quattordicesima alla ventiduesima posizione.

Brillano in particolare i paesi baltici: l’Estonia sale dalla sedicesima alla dodicesima posizione, la Lituania scende di un posto ma rimane ventunesima e la Lettonia balza dalla ventiduesima alla quattordicesima posizione. Bene anche la Polonia, ventiquattresima. A fare meglio dell’Italia, scesa di cinque gradini al cinquantesimo posto, sono anche la Romania (trentaseiesima) e la Bulgaria (trentanovesima). Colpisce inoltre il trentasettesimo posto della Bielorussia, sulla carta una repubblica socialista, che sale sette gradini e precede la Russia, quarantesima (l’anno scorso era cinquantunesima). Minsk entra inoltre nella top ten delle nazioni che, sulla base delle riforme adottate, hanno registrato i miglioramenti maggiori insieme a Brunei, Kazakhstan (altra sorpresa, dal quarantunesimo al trentacinquesimo posto), Kenya, Indonesia, Serbia, Georgia, Pakistan, Emirati Arabi Uniti e Bahrain.

Tra le grandi economie dell’Eurozona, la Germania e la Francia perdono due posizioni ciascuna e scendono rispettivamente al diciassettesimo e al ventinovesimo posto, mentre la Spagna sale di un gradino al trentaduesimo posto. E’ invece stabile al trentaquattresimo posto il Giappone, superato in dinamismo da Taiwan (undicesima) e Malesia (ventitreesima).

Il fondo della classifica è invece dominato dai paesi dell’Africa subsahariana che, tuttavia, si rivela in miglioramento. Oltre un quarto delle riforme prese in esame dalla Banca Mondiale sono infatti avvenute proprio in tale area, dove continua a spiccare il Kenya, salito dalla posizione numero 108 alla numero 92. La maglia rosa del continente nero (senza considerare le Mauritius, alla cui trentaduesima posizione avrà in qualche modo contribuito la sua natura di paradiso fiscale) la indossa però il Ruanda, che avanza di otto posizioni al cinquantaseiesimo posto e supera economie del calibro della Turchia (sessantanovesima) e del Sud Africa (settantaquattresimo).

E’ infine assai evidente come a relegare numerosi Paesi nelle ultime posizioni siano soprattutto situazioni di estrema instabilità sociale e politica. Gli ultimi otto posti sono infatti occupati da nazioni devastate da guerre e rivolte ovvero Afghanistan, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Centroafricana, Sud Sudan, Venezuela, Libia, Eritrea e Somalia, fanalino di coda al centonovantesimo posto, laddove la Siria, al quinto anno di guerra civile, riesce a guadagnare due posizioni, dalla numero 175 alla numero 173.

Previous
Next